Come funziona il trading online. Come iniziare

Ormai parlano tutti di trading online. Si tratta del nuovo modo di operare in borsa con facili guadagni. Sembrerebbe ovviamente, il condizionale è d’obbligo in quanto si tratta sempre di operazioni sensibili in cui si investe del denaro proprio. E senza la dovuta conoscenza della pratica si rischia di subire anche perdite notevoli. Qui parleremo di trading online per chi comincia. Come funziona precisamente? In che modo si diventa trader? Cerchiamo di capire meglio come si comincia a fare trading on line e a chi conviene affidarsi all’inizio.

Trading online: come funziona

Con l’espressione anglosassone trading online si intende il commercio telematico di una vasta gamma di strumenti finanziari. Grazie al regolamento CONSOB, attuativo del Testo Unico  1996 sul mercato finanziario, chiunque sia in possesso di un conto corrente, un personal computer e una connessione internet ha la possibilità di vendere e comprare. Direttamente dal soggiorno della propria abitazione; azioni, obbligazioni, opzioni, futures e valute.

E’ comunque possibile investire anche sulle materie prime (in gergo definite Commodity), che costituiscono in realtà una delle più valide alternative alle azioni. Si può operare con petrolio, oro e argento; e tutta una serie molto variegata seppur meno nota di ulteriori prodotti. Il trading online rappresenta un’attività altamente speculativa, non esente da potenziali rischi, che, certamente, però, può portare a guadagni notevoli.

Come fare trading online. Tipologie

Esistono diverse tipologie di trading online, facenti capo ad investimenti sul lungo e breve termine e strettamente collegate al rischio che si è disposti a correre. E’ infatti possibile distinguere tra:

  • scalping, dove le operazioni di compravendita vengono effettuate nel giro di pochissimi minuti, se non addirittura pochissimi secondi. Rappresenta sicuramente la forma più speculativa del trading, riservata, sopratutto, agli esperti del settore;
  • daily trading, ovvero una strategia che prevede la apertura e la chiusura delle posizioni in un lasso di tempo di circa 24 ore. Meno speculativa della forma precedente è, comunque, caratterizzata da un certo grado di azzardo;
  • swing trading, le operazioni di compravendita seguono le tendenze di prezzo che si verificano nel medio termine; consentono al trader di tenere aperte le posizioni anche per alcuni giorni, osservando i grafici settoriali prima di investire. Rappresenta una forma di operazione più oculata e meno rischiosa;
  • position trading, che si verifica quando gli investimenti seguono le principali tendenze del mercato. Ovviamente si tratta dell’operazione meno rischiosa di tutte e, pertanto, necessita di un maggiore capitale investito per poter garantire un buon margine di guadagno.

Trading on line: come iniziare

Per iniziare a fare trading on line si deve disporre di tre elementi essenziali: un personal computer (tablet, smartphone), un conto corrente ed un capitale iniziale anche di minima entità. Una volta reperiti i suddetti elementi è quindi necessario informarsi sull’ABC del trading. Se infatti, è vero che non esiste una guida specifica sull’argomento, è altrettanto vero che esistono diversi testi, peraltro validissimi, sulla fattispecie. Imparare le fondamenta del trading risulta fondamentale per addentrarsi con un minimo di cognizione di causa nel mondo degli investimenti, evitando in tal modo di correre rischi inutili.

Per poter operare in maniera sicura nel trading online è allora assolutamente necessaria una preparazione di base. E’ necessaria per capire i termini utilizzati in borsa e nel mercato finanziario; interpretare i grafici settoriali per poter poi decidere che tipo di investimento effettuare sulla base dei relativi andamenti. Bisogna inoltre dotarsi di una buona dose di self control onde evitare che la componente psicologica influisca troppo e male sul modo di portare a termine le operazioni di compravendita.

Trading online per chi comincia

Un aspetto fondamentale per chi decide di avventurarsi nel mondo del trading on line è la scelta del broker a cui affidarsi all’inizio. Per fare trading on line infatti è necessario impegnarsi seriamente, senza sottovalutarne gli innumerevoli rischi. Ai quali è in ogni caso possibile ovviare facendosi accompagnare da professionisti seri e competenti. Il broker a cui si decide di affidarsi deve essere regolamentato Cysec e Consob e detiene documentabili anni di esperienza nel settore. Affidare i propri investimenti a broker non certificati espone, di contro, al potenziale rischio di truffe e di perdita del capitale. I broker regolamentati offrono addirittura la possibilità di imparare a fare trading on line senza rischiare un centesimo dei propri soldi tramite lo strumento dell’Account Demo, con cui si potrà fare sufficiente pratica prima di aprire un account reale.

Altre guide e consigli sul trading

Trading online. Quali vantaggi offrono le criptomonete Il sistema delle criptomonete ha generato nuove forme di sviluppo economico nell'ambito finanziario. Con il termine di moneta digitale si identifica del denaro virtuale generato sfruttando la potenza di calcolo di un computer o acquistabile direttamente on-line con l'utilizzo di una valuta corrente. Le criptovalute. La novità del mercato del tradi...
Trading futures bitcoin: fare trading con contratti futures su criptovalute. La notizia diventa rea... Il trading futures bitcoin è adesso: dal 10 dicembre 2017  è possibile scommettere sull'andamento delle monete virtuali, le criptovalute.Tali valute garantiscono anonimato per chi le crea e chi le riceve, a partire di una community di 'minatori' (l'attività di creazione è detta 'mining').Essendo tali non c'è bisogno di stamparle: allo stess...
Come investire in borsa: i consigli da seguire Investire in borsa: un'attività per tutti Investire in borsa non è più appannaggio esclusivo dei grandi investitori, dei super-ricchi o degli esperti. Da un po' di tempo anche le persone comuni hanno questa possibilità. E ce l'hanno sia perché possono materialmente investire in borsa in modo diretto, in assenza di ingenti risorse, sia perché oggi ...
Trading pivot points e opzioni binarie: di cosa si tratta? Cosa sono i trading pivot points? Qual è la loro funzione? I pivot point sono dei punti di svolta che segnano le variazioni dell’andamento del prezzo di un bene. I pivot point vengono calcolati tramite un semplice indicatore, che può essere impostato sul grafico di un prezzo. Esistono 4 pivot point: due di supporto e due di resistenza. I pivot poi...
Trading algoritmico: cos’è? come funziona? Cos’è il trading algoritmico? Il trading system automatico, noto anche come trading algoritmico, trading black-box o trading robo prevede l’utilizzo di uno specifico software per l'inserimento degli ordini di trading. Il software in questione è basato su un algoritmo che analizzando l’andamento dei mercati, definisce tempi, prezzo e quantità dell'...
Ordini pendenti