Costruzione di un portafoglio titoli, la teoria di Markowitz

Costruzione di un portafoglio titoli, come raggiungere questo obiettivo? Quali i passaggi da seguire?

Una delle teorie considerate più affidabili per la costruzione di un portafoglio titoli è stata elaborata dall’economista americano Harry Markowitz. Si tratta di una teoria da adottare per attività rischiose, che mostra come combinare i differenti titoli per la costituzione di un portafoglio da cui conseguire il massimo rendimento a fronte di un livello di rischio determinato. Per raggiungere questo risultato è essenziale che i titoli coinvolti non risultino esattamente correlati.

I due criteri da adottare per la valutazione dei portafogli su cui investire sono:

  • rendimento atteso
  • rischio: computato dal punto di vista della varianza dei rendimenti

Come rendimento e rischio di un portafoglio titoli sono considerati il rendimento e il rischio dei vari titoli che costituiscono il portafoglio.

Va inoltre tenuto presente il coefficiente di correlazione. Poniamo di disporre del rendimento atteso e della varianza di rendimento di un portafoglio composto da due titoli (A e B). Il cosiddetto coefficiente di correlazione tra i titoli avrà un valore compreso tra -1 e +1. Questi sono gli scenari possibili:

  • se la correlazione (A,B) > 0: A e B sono positivamente correlati
  • se la correlazione (A,B) < 0: A e B sono negativamente correlati
  • se la correlazione (A,B) = 0: A e B sono non correlati.

Qualora la correlazione tra i titoli risulti inferiore all’unità, la diversificazione è capace di minimizzare il rischio. Tradotto in altri termini ciò significa che il rischio relativo al portafoglio è inferiore a quello medio dei titoli che lo compongono.

Dopo che è stata computata la varianza dei rendimenti e il rendimento atteso, si può procedere con il confronto tra i diversi portafogli, così da individuarne i migliori. Per questa ragione è essenziale costituire la frontiera efficiente.

Costruzione di un portafoglio titoli, come individuare i portafogli efficienti?

La frontiera efficiente è composta dai portafogli posti lungo una curva che per un determinato rendimento rivelano un minor rischio e per un certo livello di rischio hanno maggior rendimento.

I portafogli che sono posti sotto la frontiera sono chiamati inefficienti, mentre quelli lungo la frontiera sono detti portafogli efficienti, ossia rappresentano le migliori soluzioni in termini di rapporto tra rischi e rendimento.

Altro fattore da considerare è la curva d’indifferenza. Dopo che sono stati definiti i portafogli che compongono la frontiera efficiente, si può rilevare quello che soddisfa di più il profilo del singolo investitore.

Per raggiungere questo risultato è indispensabile stabilire l’atteggiamento dell’investitore mediante la nozione di curva di indifferenza. Si possono tracciare varie curve di indifferenza che riportano le preferenze degli investitori in base al rendimento atteso e del rischio.

Altre guide e consigli sul trading

Borsa americana: come sfruttarla per fare trading? Borsa americana indici e mercati: una panoramica La borsa americana è il centro finanziario del mondo. Il mercato in maniera assoluta più importante. La maggior parte dei colossi mondiali va a comporre proprio gli indici statunitensi. Microsoft, IBM, General Elettric, ma anche Google, Facebook e Twitter: fanno tutti parte della borsa americana. Du...
Opzioni binarie cosa sono? Guida al trading binario Opzioni binarie cosa sono e come si strutturano Le opzioni binarie sono strumenti finanziari che consentono di fare trading prevedendo la variazione del prezzo di un bene su un certo mercato. Se la previsione del trader si rivela corretta, questo incassa il rendimento dell’opzione (che in generale può arrivare fino all’85%), in caso contrario subi...
Come Fare Trading. Corsi trading online 2017 Sono sempre più le persone che si avvicinano al trading online con l'idea di fare soldi facili. Il più delle volte si perde gran parte del loro capitale per inesperienza ed inettitudine. Ci si allontana scottati, magari per riavvicinarsi a distanza di tempo, ma senza correggere gli errori del passato e ricominciare così il circolo vizioso che porta...
Trading CFD: cos’è? Quali i fattori coinvolti? Cosa significa fare trading con i CFD Il trading sui contratti per differenza, meglio noti come CFD (Contract For Difference), consiste in una speculazione su un derivato. Sebbene fare trading con i CFD non significhi acquistare veramente l’oggetto dell’investimento (azioni, obbligazioni, materie prime, ecc.), il valore del contratto corrisponde a...
Trading futures bitcoin: fare trading con contratti futures su criptovalute. La notizia diventa rea... Il trading futures bitcoin è adesso: dal 10 dicembre 2017  è possibile scommettere sull'andamento delle monete virtuali, le criptovalute.Tali valute garantiscono anonimato per chi le crea e chi le riceve, a partire di una community di 'minatori' (l'attività di creazione è detta 'mining').Essendo tali non c'è bisogno di stamparle: allo stess...
trading sportivo