Deposito minimo: i broker che permettono di iniziare con poco

Deposito minimo forex: una componente di cui tenere conto

E’ da qualche anno che il forex, come in generale il trading, ha smesso di essere una esclusiva dei grandi investitori o degli esperti ed è diventata una attività praticabile anche dai neofiti o dalle persone comuni. Merito, ovviamente, della Rete, che ha permesso l’accesso ai mercati un po’ a tutti.

In una logica inclusiva, in cui i broker puntano a conquistare fasce di popolazione prima estranee al mondo dell’investimento speculativo, molte realtà hanno messo in campo un approccio più promozionale. Le promozioni riguardano, in particolare, due elementi dell’offerta: il deposito minimo e il bonus. In effetti, sono strettamente correlati.

Sono finiti, dunque, i tempi in cui per iniziare a tradare occorrevano fiori di quattrini. Oggi bastano addirittura pochi euro (o pochi dollari). L’importante è scegliere il broker giusto.

Senza contare, poi, che in teoria è possibile iniziare anche gratis, sebbene in modo fittizio (ma comunque molto utile). Il riferimento è, in questo caso, alle demo, che sono account “prova” in cui è possibile tradare nel mercato vero ma con soldi “finti”. E’ chiara la dimensione formativa di questo strumento.

Deposito minimo e broker: i più convenienti

Ad ogni modo, quali broker impongono il deposito minimo più basso?

Tra i migliori in questo senso spicca XM. Non figura tra i “senatori” ma sta comunque conquistando il suo spazio. Merito anche delle promozioni, tra cui figura, appunto, quella sul deposito minimo: appena 5 dollari (o euro). Un’altra caratteristica da rilevare riguarda la leva: sfiora il rapporto 900:1.

Offre un approccio tradizionale invece Markets.com, d’altronde è attivo da più tempo. Il deposito minimo è infatti di 100 euro, abbastanza nella norma. Quello che invece spicca al di fuori dell’ordinario è lo spread, che è molto basso. Si parla di 0.8 pip.

Sulla falsa riga di Markets.com è IronFx, che propone un deposito minimo di 100 euro. A questo fa fa contraltare lo spread, che può scendere fino a zero. Importante anche il bonus, che può raggiungere il 50% del deposito minimo (fino a una soglia di 9.000 euro).

A stupire è comunque Plus500, il cui deposito minimo è addirittura zero. Per iniziare è possibile utilizzare direttamente un bonus. Ovviamente, questo può essere monetizzato al raggiungimento di alcuni obiettivi minimi. Il bonus in assenza di deposito è fino a 100 euro. In presenza del deposito, invece, può equivalere al 50% dello stesso, fino a una soglia di 7.000 euro.

Come si può notare, l’offerta è variegata. Si deduce, quindi, che la questione dei depositi minimi e dei bonus abbia stimolato la concorrenza, con indubbio vantaggio dei trader.