I migliori indicatori forex: ecco quali sono e come utilizzarli

Forex: analisi tecnica o analisi fondamentale?

Sono due le armi a disposizione dei trader per comprendere il mercato e mettere a segno trade vincenti: l’analisi tecnica e l’analisi fondamentale. Quest’ultima si fonda sullo studio dell’ambiente economico e nella fattispecie degli avvenimenti in grado di influire sui prezzi. E’ una materia molto difficile, che in genere è gestita solo dopo molti anni di esperienza. Di sicuro affidamento e di più facile comprensione è invece l’analisi tecnica: questa si basa sullo studio degli indicatori e degli oscillatori, e sulla ricezione dei segnali. E’ una disciplina quanto più possibile scientifica, dunque tende ad avere margini di errore molto bassi.

Ad ogni modo, l’analisi tecnica è molto varia poiché molti sono gli indicatori. In genere, però, si tende a utilizzare sempre gli stessi, almeno fino a quando il mercato non espone il trader a situazioni particolari.

Ecco la top 3 dei migliori indicatori forex, gli strumenti che garantiscono le performance più efficaci.

Indicatori forex: la top 3

Uno dei migliori indicatori forex è probabilmente quello che risponde al nome di Bande di Bollinger. E’ apprezzato perché molto affidabile e di facile utilizzo. E’ composto da tre linee. La prima è una media mobile veloce, la seconda è una media mobile lenta. Vi è infine una terza che si pone al centro e altro non è che la differenza tra le prime due. Il segnale viene lanciato quando il prezzo oltrepassa la media mobile superiore o la media mobile inferiore.

Nel primo caso, il mercato è entrato in una situazione di ipercomprato, dunque occorre vendere. Nel secondo caso, invece, il mercato è entrato in una situazione di ipervenduto, dunque occorre comprare.

Un altro indicatore è l’RSI, acronimo di Relative Strenght Index. E’ un indicatore il cui scopo assomiglia a quello delle Bande di Bollinger. I segnali che lancia, infatti, riguardano le situazioni di ipervenduto e di ipercomprato. La differenza è soprattutto grafica: è formato da una sola linea, non presente direttamente nel grafico, che oscilla tra valori compresi tra 100 e 0. Quando il valore è incluso tra il 70 e il 100, il mercato è in ipercomprato. Quando il valore è compreso tra lo 0 e il 20, il mercato è ipervenduto.

Infine, sempre nell’ambito dei migliori indicatori forex, spicca il MACD. E’ l’arconomico di Mobile Average Convergence Divergence. L’ingrediente essenziale è formato dalle medie mobili. Sono due: una veloce e una lenta. I segnali vengono lanciati quando queste due linee entrano in contatto e non quando interagiscono con il prezzo. In particolare, quando la media mobile lenta incrocia dall’alto verso il basso la linea mobile veloce, il segnale è rialzista. Quando l’incrocio avviene dal basso verso l’alto, il segnale è rialzista.

Altre guide e consigli sul trading

Bande di Bollinger Opzioni Binarie: come usarle e guadagnare con il trading Le bande di Bollinger per le opzioni binarie possono essere sfruttate in maniera attenta e precisa per poter ottenere un buon profitto in maniera altamente semplice e professionale.Ecco come sfruttare al massimo questo genere di grafico in modo tale da poter ottenere dei guadagni. Da cosa è composto il grafico? Il grafico delle bande di Bolli...
Pattern candele forex: l’engulfing bearish Candele forex: un importante strumento di analisi tecnica L’analisi tecnica non si fonda solo sull’utilizzo di indicatori e oscillatori. Esiste un modo più semplice per ricavare dei segnali a partire dall’osservazione del grafico. E’ un metodo che consiste nello studio delle candele e dei pattern, ossia delle particolari configurazioni che coinvol...
Trading Forex cos’è? Come funziona? Trading forex cos'è: il più grande mercato al mondo È il mercato finanziario più grande del pianeta, un’opportunità di profitto per gli investitori, ma anche un contesto che richiede competenze e aggiornamento costante. Il Foreign Exchange Market, noto più semplicemente come Forex, rappresenta il mercato internazionale di cambio valuta estera....
Indicatore stocastico: come leggerlo e intrepretare i segnali Stocastico: a cosa serve L’indicatore stocastico è uno degli strumenti più utilizzati nell’analisi tecnica. Lo è soprattutto per via della sua efficacia: se interpretato in modo corretto raramente sbaglia. Il tutto a fronte di una complessità più alta della media, in grado a volte di scoraggiare i principianti.A cosa serve l’indicatore stocast...
Candela Hammer: come interpretarla e a cosa serve Grafico a candela Hammer: perché è utile L’analisi tecnica non si compone solo di indicatori e oscillatori, la cui interpretazione può a volte risultare complicata. Esiste una branca, un filone “laterale” ma che comunque ha acquisito nel tempo una sua importanza: il chartismo. Consiste nello studio del solo grafico al fine di ricavarne i segnali. ...
migliori indicatori forex