Minusvalenze e Plusvalenze: strategie opzioni binarie

Quando si parla di opzioni binarie risulta essere impossibile non affrontare anche l’argomento minusvalenze e plusvalenze.

Vediamo ora di cosa trattano questi due termini, e come poter ottenere un beneficio quando si opera con le opzioni binarie.

Le Plusvalenze, le Minusvalenze ed il trading online

Nel trading online l’acquisto e la vendita di valori risulta essere il vero e proprio fulcro dell’attività che si svolge.
Ottenere un profitto è ovviamente l’obiettivo finale che consente di svolgere un tipo di attività che risulta essere vincente sotto ogni punto di vista e che garantisce il miglior tipo di soddisfazione possibile.

Calcolo plusvalenza: esempio pratico

Analizzare le plusvalenze è molto semplice: si tratta dell’eventuale profitto che si otterrà nel momento in cui si vendono le proprie opzioni binarie nel mercato.
Per fare un esempio pratico occorre creare una situazione di partenza, supponendo che:

  • le opzioni binarie acquistate abbiano un valore di 100;
  • dopo due giorni, il loro prezzo scenda a 90;
  • dopo quattro giorni esso risalga e giunga ad un valore di 120.

Per ottenere una plusvalenza occorre cercare di vendere quando tale valore giunge a 120, in modo tale che sia possibile evitare di andare in perdita.

Se invece il valore dovesse continuare a scendere, si parla ovviamente di una minusvalenza, in quanto il prezzo di vendita risulta essere inferiore a quello d’acquisto.

Il problema delle minusvalenze

Spesso di va incontro a delle minusvalenze in quanto subentrano dei fattori chiave quando si imbocca questa strada.  Nella vendita delle opzioni binarie, anche se queste hanno un valore inferiore e comporterebbero una perdita economica generalmente si parla di:

  • paura che un ipotetico valore possa continuare a scendere e quindi comportare una perdita assai più gravosa;
  • voglia di sbarazzarsi di opzioni binarie che potrebbero rappresentare un peso e non un futuro profitto;
  • operazioni che vengono svolte senza informarsi in modo attento e preciso.

Si tratta di condizioni che, in questo particolare segmento del mercato, giocano un ruolo fondamentale e che devono essere sempre evitate.  Altrimenti, si potrebbe rischiare di perdere una vasta somma di denaro, procedendo in questo modo tutt’altro che corretto.

Come sfruttare al meglio minusvalenze e plusvalenze nel trading

Per poter ottenere il miglior profitto possibile ed evitare che le minusvalenze possano giocare un ruolo fondamentale nelle proprie operazioni (con costante perdita del capitale), sarà necessario cercare di adottare una semplice strategia.

Strategia da adottare

Per prima cosa occorre analizzare attentamente tutte le diverse informazioni che riguardano quei valori che si sono acquistati, in modo tale da poter avere un quadro generale della situazione alla quale si potrebbe andare incontro.
Questo, sostanzialmente, significa che dopo l’acquisto delle opzioni binarie occorre:

  • valutare la storia passata dello stesso valore;
  • capire come questo potrebbe evolversi col passare del tempo;
  • calcolare il lasso temporale di mantenimento dei valori acquisiti, ovvero degli asset;
  • valutare, sfruttando strumenti quali giornali e notizie varie, quale sarà il momento migliore per la vendita e quale no;
  • calcolare la tassazione del profitto ottenuto;
  • limitare al massimo le perdite.

In questo modo sarà possibile evitare il dover fronteggiare una serie di minusvalenze che possono danneggiare il proprio profitto.

Il recupero delle minusvalenze nel trading

Ovviamente non tutte le operazioni di trading con le opzioni binarie andranno a buon fine, salvo casi in cui non si effettuino degli acquisti perfetti con valori in forte crescita.

Per recuperare le minusvalenze occorre solo acquistare un valore, che nel mercato sta andando molto bene ed è oggetto di crescita costante. Poi occorre  effettuare un calcolo per stabilire quale sarà il massimo profitto che si vuole raggiungere e quello basilare per il recupero delle perdite.

In questo modo sarà possibile almeno recuperare il denaro perso con investimenti non proprio ideali ed evitare di compiere nuovamente lo stesso errore.
Alla base di tutto ci deve essere costanza e continua informazione, per portare appunto al termine le varie operazioni in modo brillante.

Altre guide e consigli sul trading

Quale Broker Forex scegliere? Guida e consigli utili Scegliere un broker Forex non è di certo complesso come procedimento ma, trattandosi di un valido elemento, occorre prestare la massima attenzione durante la fase di scelta.Analizziamo ora questo concetto sia intendendolo come portale online che come professionista, ovvero come l'esperto che riesce ad offrire delle ottime consulenze ai suoi cli...
Trading derivati: conviene davvero? Trading: i derivati rappresentano una valida alternativa I derivati sono strumenti finanziari che sottintendono a un bene materiale e specifico ma che non comportano il possesso dello stesso. Sono titoli, certificati, prodotti finanziari il cui valore è strettamente legato all’asset di riferimento, chiamato sottostante, e sulla base di ciò possono...
Swing Trading: Come Investire? Cos’è lo Swing Trading? Lo Swing Trading si basa sullo studio tecnico del comportamento del prezzo di un bene. Come molti sapranno l’oscillazione del prezzo di un bene comprende momenti di forza e di debolezza rispetto alla posizione tecnica del mercato. Ma come si definiscono questi fenomeni? La durata e l'ampiezza dell'escursione di un determina...
Cos’è e come funziona il trading binario automatico? Come funziona il trading binario automatico? Compiere investimenti nel campo del trading binario è ormai un’attività molto diffusa. Cresce il numero di broker di opzioni binarie che premettono pressoché a chiunque di intervenire in questo settore. I software proposti sono molo semplici e assicurano attività di trading in tempo reale. Opzioni bina...
Trading azioni americane Come fare trading su azioni americane? BATS, uno dei più importanti ECN statunitensi, permette di negoziare i principali titoli USA. Per operare sui mercati statunitensi non è necessario aprire un conto trading in dollari, la liquidità del conto in euro risulterà infatti sempre disponibile anche per operare sui mercati CME o azionario USA, con cam...
trading CFD