Trading leva finanziaria: A cosa serve? Quando va usata?

Trading leva finanziaria: quali sono le sue caratteristiche?

Sempre più spesso si sente parlare di effetto leva, ma in pochi sanno di cosa si tratti in realtà. Il valore dell’effetto leva indica quanto più velocemente si può guadagnare, o perdere, rispetto all’investimento effettuato.
Se, ad esempio, si acquista uno strumento finanziario con una leva 1:10, ogni euro investito subirà le oscillazioni di 10 euro. Allo stesso modo un guadagno del 10% del sottostante farà raddoppiare il capitale di partenza, e una perdita del 10% lo azzererà completamente.
Fare trading sfruttando la leva finanziaria permette di massimizzare un movimento senza dover investire troppo denaro, tuttavia questo può portare anche a grosse perdite. Ovviamente nella peggiore delle ipotesi perderemo l’intera somma del nostro deposito.

Trading leva finanziaria: come funziona nella pratica? Cosa comporta?

Ma vediamo come funziona la leva finanziaria. Quando si apre una posizione è necessario avere un margine sufficiente, ovvero una quantità di denaro nel nostro conto, che possa coprire l’eventuale perdita. Facciamo un esempio di leva 1:100.
Supponiamo di avere un conto trading con 1.500 USD e di voler acquistare sul mercato delle valute un USD/CAD al prezzo di 1,2000. Nel caso in cui si decida di acquistare un lotto standard, da 100.000 USD, dovremmo disporre di 120.000 dollari (100.000 x 1,2).
Sfruttando la leva finanziaria 1:100 offerta dal broker è possibile aprire questa posizione, purché si abbia il margine necessario, cioè l’1% di 100.000 dollari. In altre parole bastano 1.000 USD per operare. Una volta aperta la posizione, il margine disponibile sul conto scenderà di 1.000 USD. Rimarranno quindi solo 500$. sarà possibile sopportare una perdita non superiore a 500$, se ciò dovesse accadere, la posizione aperta verrà chiusa in odo forzato.